Incentivi imprese _Bando Isi INAIL 2018
Martedì 02 Aprile 2019 09:00

E' stato pubblicato il Bando Isi INAIL 2018.

L’Avviso pubblico si pone l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori; le microimprese e le piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli per l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, ridurre il livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.

Assi di finanziamento

Il plafond dell’iniziativa è pari a 369.726.206 euro suddivisi in 5 Assi di finanziamento, differenziati in base ai destinatari:

Asse 1 (Isi Generalista) euro 182.308.344 euro ripartiti in:

Asse.1.1 euro 180.308.344 euro per i progetti di investimento;

Asse 1.2 euro 2.000.000 euro per i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale. A questo Asse accedono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte al registro delle imprese o all’albo delle imprese artigiane;

Asse 2 (Isi Tematica) euro 45.000.000 euro per i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC). Accedono a questo Asse le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte al Registro delle Imprese o all’albo delle imprese artigiane e gli Enti del terzo settore in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018;

Asse 3 (Isi Amianto) euro 97.417.862 euro per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto. Beneficiarie dell’Asse sono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte al registro delle imprese o all’albo delle imprese artigiane;

Asse 4 (Isi Micro e Piccole Imprese) euro 10.000.000 euro. Vi accedono micro e piccole imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura, in possesso dei requisiti di cui all’Avviso pubblico ISI 2018 operanti nei settori Pesca (codice Ateco 2007 A03.1) e Tessile-Confezione-Articoli in pelle e calzature (codici Ateco 2007 C13, C14 e C15);

Asse 5 (Isi Agricoltura) euro 35.000.000 euro per i progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, così suddivisi: Asse 5.1 euro 30.000.000 euro per la generalità delle imprese agricole; Asse 5.2 euro 5.000.000 euro riservato ai giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria.

Il finanziamento

Gli incentivi vengono concessi sotto forma di finanziamento a fondo perduto, secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande, fino a esaurimento delle risorse finanziarie:

-          per gli Assi 1 (sub Assi 1.1. e 1.2), 2, 3 il finanziamento è concesso in conto capitale nella misura del 65% calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili. Il finanziamento massimo erogabile è pari a 130.000 euro e il finanziamento minimo ammissibile è pari a 5.000 euro.

-          per il sub Asse 1.2 non è fissato il limite minimo di finanziamento;

-          per l’Asse 4 il finanziamento in conto capitale spetta nella misura del 65% calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili. Il finanziamento massimo erogabile è pari a 50.000 euro ed il finanziamento minimo ammissibile è pari a 2.000 euro;

-          per l’Asse 5 (Asse 5.1 ed Asse 5.2) è concesso un finanziamento in conto capitale calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili, comunque non superiore a 60.000 euro e non inferiore a 1.000 euro, nella misura del 40% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.1 (generalità delle imprese agricole) 50% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.2 (giovani agricoltori).

Modalità di domanda

Le domande devono essere presentate in modalità telematica, a partire dall’11 aprile 2019 al 30 maggio 2019, secondo le seguenti 3 fasi successive:

1. accesso alla procedura online e compilazione della domanda sul sito INAIL da effettuarsi con i tempi e le modalità indicati dall’Avviso pubblico ISI 2018;

2. invio della domanda online da effettuarsi con i tempi e le modalità indicati dall’Avviso pubblico ISI 2018;

3. conferma della domanda online tramite l’invio della documentazione a completamento da effettuarsi nei tempi e con le modalità indicati dall’Avviso pubblico ISI 2018.

 

 
: PSR Sicilia 2014-2020 – Bando pubblico Sottomisura 8.3 “Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici” – II° Finestra.
Martedì 02 Ottobre 2018 09:25

Sul sito del PSR Sicilia, è stato pubblicato il bando di che trattasi, finalizzato alla protezione delle foreste da incendi, dagli attacchi parassitari e malattie e dal dissesto idrogeologico allo scopo di contribuire alla mitigazione dei cambiamenti climatici, alla difesa del territorio e del suolo, alla prevenzione dei rischi naturali, alla depurazione e regimentazione delle acque ed alla tutela e conservazione della biodiversità.

La dotazione finanziaria del presente bando, che rappresenta una quota parte delle risorse pubbliche in dotazione alla sottomisura, è pari a euro 50.000.000,00.

Le domande di partecipazione al bando, potranno essere caricate sul SIAN a partire dal 1 dicembre  2018 e sino al 29 maggio 2019, data ultima di rilascio.

Nella considerazione che, nessuno dei comuni aderenti ha presentato progetti sulla I° finestra, entro il corrente mese organizzeremo un incontro di approfondimento tecnico per individuare le soluzioni tecniche più opportune e colmare i ritardi registrati.

Allegati:
Scarica questo file (Bando sottomisura 8.3.pdf)Bando sottomisura 8.3.pdf[ ]457 Kb
 
Assessorato della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro - Comunicato relativo ai decreti n. 9466 dell’8 agosto 2018, n. 9482 e n. 9483 del 9 agosto 2018, riguardanti gli avvisi n. 2/2018 e n. 3/2018 di finanziamento di cantieri di lavoro
Venerdì 24 Agosto 2018 10:35

Sono stati pubblicati in data odierna sulla GURS n. 37 gli avvisi pubblici n. 2/2018 e n. 3/2018 con i rispettivi decreti di approvazione n. 9483 del 9 agosto 2018 e 9482 del 9 agosto 2018, relativi al finanziamento di cantieri di lavoro per i comuni fino a 150.000 abitanti e al finanziamento di cantieri di lavoro per gli enti di culto (legge regionale n. 3/2016, art.15, comma 2).

E' stato pubblicato anche il D.D.G. n. 9466 dell’8 agosto 2018 di approvazione del piano di riparto delle risorse assegnate a ciascun comune avente diritto.

 
Decreto “Resto al SUD” – Le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2019
Giovedì 10 Gennaio 2019 10:00

Con l’entrata in vigore della legge di Bilancio 2019 (legge n. 145-2018) vengono introdotte novità di grande impatto per chi è interessato alle agevolazioni a sostegno dell'autoimprenditorialità nel Mezzogiorno. L'età massima dei beneficiari sale infatti da 35 a 45 anni, mentre tra le attività economiche finanziabili vengono ammesse anche quelle libero professionali, finora escluse insieme ad agricoltura e commercio.

Si allarga, quindi, la platea dei beneficiari del regime di aiuto, che conta ad oggi 4.900 domande presentate e dispone di risorse finanziarie pari a 1,25 miliardi di euro a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) 2014-2020.

Finora le agevolazioni sono state riservate ai giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni e residenti o disponibili a stabilirsi nelle Regioni del Mezzogiorno, cioè Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Molise, Sardegna e Sicilia, e a neo imprese già costituite negli stessi territori da giovani imprenditori dopo il 21 giugno 2017.

Da una parte, con l'intervento sull'età anagrafica si punta a offrire un'opportunità a soggetti che hanno maturato competenze professionali significative nel corso della loro esperienza lavorativa in condizioni di precariato o di lavoro sommerso/irregolare, ma anche a persone espulse dal mercato del lavoro a causa di crisi aziendali e di settore e con grandi difficoltà di ricollocamento.

D'altra parte, l’estensione alle libere professioni vuole rispondere alle difficoltà di accesso al mercato del lavoro sempre più diffuse nel Mezzogiorno anche per i giovani professionisti, soprattutto con riferimento alle professioni legate al settore edilizio.

Confermato l'impianto generale della misura: la manovra lascia intatta la copertura del 100% dei costi di avvio delle nuove iniziative imprenditoriali, per il 35% sotto forma di contributo a fondo perduto e per il 65% tramite finanziamento bancario assistito dal Fondo di garanzia per le PMI.

Nel corso dell’esame parlamentare, però, è stato previsto l’obbligo della costituzione, da parte dei soggetti che presentino le istanze, nelle forme giuridiche di impresa individuale o di società, incluse le cooperative, ad eccezione delle attività libero-professionali, per le quali è richiesto esclusivamente che i soggetti che presentano domanda non risultino, nei 12 mesi precedenti, titolari di partita IVA per l’esercizio di un’attività analoga a quella proposta.

 
Azione 4.1.1 del PO FESR Sicilia 2014/2020.
Lunedì 20 Agosto 2018 10:38

E' stato pubblicato sul Supplemento ordinario alla  GURS n. 36 del 17 agosto u.s. il decreto 26 luglio 2018 di approvazione dell’“Avviso pubblico con procedura valutativa a sportello per la concessione di agevolazioni in favore di Enti locali, anche nelle forme associative regolarmente costituite, per la realizzazione di opere pubbliche a mezzo di operazioni a regia regionale, per promuovere l’ecoefficienza e la riduzione di consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche” e della relativa modulistica, concernente le modalità e le procedure per la concessione e l’erogazione delle agevolazioni previste dall’Azione 4.1.1 del PO FESR Sicilia 2014/2020.

Allegati:
Scarica questo file (Gurs 17 agosto 2018.pdf)Gurs 17 agosto 2018.pdf[ ]38437 Kb
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 9