PSR Sicilia 2014/200
Mercoledì 17 Maggio 2017 11:59

Sottomisura 6.2 “Aiuti all’avviamento di attività imprenditoriali per le attività extra-agricole nelle zone rurali”

E' stato pubblicato sul sito dell’Assessorato Regionale all’Agricoltura il bando per la partecipazione alla sottomisura di che trattasi che prevede una sovvenzione forfettaria
di € 20.000 a fronte di un investimento minimo di € 15.000.
La sottomisura ha l’obiettivo specifico di favorire la crescita socio-economica delle zone rurali, dove vi è una forte dipendenza dal settore primario, è necessario sostenere la creazione di attività extra-agricole, al fine di contrastare lo spopolamento e creare nuove opportunità di lavoro.
Essa prevede la concessione di un aiuto all’avviamento di nuove imprese di tipo extra agricolo. Per nuova impresa si intende quella costituita nel periodo che intercorre dalla pubblicazione delle Disposizioni attuative alla presentazione della domanda, con l’assunzione per la prima volta, da
parte del proponente, della responsabilità civile e finanziaria nella gestione dell’impresa (apertura partita iva e iscrizione CCIAA).
Beneficiari
In fase di prima applicazione i beneficiari della sottomisura 6.2 sono gli agricoltori o coadiuvanti familiari, che diversificano la loro attività avviando interventi di tipo extra-agricolo, le persone fisiche, le micro imprese di nuova costituzione.
Le attività da avviare ed ammissibili sono:
 produzione di energia da fonti rinnovabili per la vendita;

attività turistico-ricettive in ambito rurale;

attività di valorizzazione di beni culturali ed ambientali;
 attività inerenti le TIC, attività informatiche ed elettroniche, e-commerce;
 servizi per le aziende agricole, per la persona e la popolazione rurale;(ad esempio agriasili, consulenza ad aziende agricole, etc)
 trasformazione e commercializzazione di prodotti artigianali e industriali non compresi
nell’allegato I del Trattato, che abbiano attinenza con le produzioni agricole. (ad esempio
produzione di fertilizzanti, compost, produzione di sapone artigianale, profumi, artigianato
artistico, etc).
L’attività non deve risultare avviata prima della presentazione della domanda di aiuto e la presentazione di un piano aziendale. Non è ammissibile l’acquisizione di attività già esistenti.
L’investimento minimo previsto dal piano deve essere di € 15.000.
Tipologia di interventi ammissibili:
 oneri di costituzione delle micro imprese, incluse le spese notarili;
 spese per la stipula della polizza fidejussoria; software e servizi informatici strettamente
connessi alle esigenze di avvio attività;
 oneri per la fornitura di servizi qualificati, quali ad es. l’iscrizione a portali web e ad altre
organizzazioni che prevedono il supporto commerciale riguardanti l’avvio attività; oneri per
avvio attività quali studi fattibilità e supporto legale;
 promozione e pubblicità della nuova attività;
 analisi di mercato; registrazione di brevetti di marchi nazionali ed internazionali;
 oneri di tipo legale e finanziario strettamente connessi all’avvio delle attività;
 consulenza di tipo organizzativo e tecnico; formazione specifica per l’avvio della attività .


Con riferimento al tipo di sostegno sopra menzionato possono tra gli altri essere previsti, a titolo
esemplificativo e non esaustivo, nell’ambito degli aiuti concedibili per l’avviamento di nuove
imprese di tipo extra agricolo, interventi finalizzati all’ avvio di servizi turistici, ricreativi,
telematici e di digitalizzazione, servizi per le aziende agricole e per la popolazione rurale, di
supporto all’avviamento di nuove attività per la produzione di energia da fonti rinnovabili e
razionalizzazione dell’uso di energia, di supporto all’avviamento di nuove attività per
trasformazione e commercializzazione ai prodotti artigianali e industriali non compresi
nell’Allegato I del Trattato.

 
IV edizione della Fiera della Biodiversità Alimentare Certificata - 9/11 novembre 2018 - Orto Botanico dell'Università degli Studi di Palermo
Mercoledì 07 Novembre 2018 08:34

Invito a partecipare alla IV Edizione FIERA DELLA BIODIVERSITA’ CERTIFICATA


Allegati:
Scarica questo file (invito carni.jpg)invito carni.jpg[ ]789 Kb
 
Comunicazione Privacy
Lunedì 28 Maggio 2018 11:16

Termini, Condizioni e Privacy.
Informazioni fornite ex art.13 GDPR 679/2016 - Protezione dei dati personali.

 
Regione siciliana – Stage aziendali retribuiti – Comunicazioni
Martedì 15 Maggio 2018 08:19

Parte il nuovo bando del pacchetto lavoro della Regione Sicilia che prevede la creazione di altri 6.600 stage retribuiti in azienda, grazie ad una dotazione finanziaria di 25 milioni di euro e che è destinata a giovani e meno giovani disoccupati che non abbiano beneficiato di altre misure messe in campo in questi ultimi giorni.

Nello specifico si tratta di due azioni:

a)      stage aventi una durata pari ad almeno 6 mesi, retribuiti con un’indennità di 500 euro al mese; con i primi dieci milioni di euro, verranno finanziati stage per chi ha un’età compresa fra i 16 ed i 35 anni. Gli stage verranno assegnati a chi è disoccupato e non frequenta scuole e corsi di formazione. Obiettivo infatti di questa parte del piano è quella di immettere sul mercato del lavoro i giovani che finora non hanno trovato sbocchi e hanno pure smesso di studiare.

b)     i successivi 10 milioni di euro andranno a finanziarie stage da assegnare a disoccupati di lungo corso che abbiano un’età compresa fra i 36 ed i 66 anni. L’obiettivo in questo caso è quello di recuperare chi ha perso il lavoro negli anni della crisi ed offrire agli stessi una nuova opportunità di lavoro.

I Centri regionali per l’impiego raccoglieranno la disponibilità delle aziende e degli artigiani interessati ad attivare i nuovi stage, facendo quindi incontrare domanda e offerta.

Per incentivare l’offerta di stage vengono stanziati 5 milioni di euro che serviranno per erogare un bonus agli imprenditori che, alla fine dello stage, faranno seguire la relativa assunzione.

 
AVVISO PUBBLICO_(SNAI) – Interventi di riqualificazione della rete stradale secondaria
Giovedì 24 Agosto 2017 13:46

Strategia Nazionale Aree Interne (SNAI) – Interventi di riqualificazione della rete
stradale secondaria – Attività ricognitoria per acquisire proposte progettuali a valere sulla rete
stradale.

Abbiamo ricevuto dalla Città Metropolitana richiesta di verificare la presenza di proposte progettuali in possesso dei comuni e/o di professionisti sui tratti stradali di
loro competenza.

In tal senso vi invitiamo ad inviarci, ENTRO IL 7 SETTEMBRE P.V., quanto in vostro possesso e/o di segnalarci quanto di vostra conoscenza in modo da ridurre i tempi di progettazione,

I tratti stradali inseriti nella scheda progettuale approvata unitamente al Documento di Strategia d’Area sono i seguenti:
- SP 9 Isnello – Castelbuono,
- SP n. 54 Petralia Sottana-Piano Battaglia,
- SP n. 60 Gangi – San Mauro – Finale di Pollina ed SP 52;
- SP n.119 Polizzi-Piano Battaglia;
- SP n. 8 e SP 58 Sclafani Bagni-Caltavuturo;
- SP n. 9 Bis Scillato-Collesano;
- SP n. 11 che collega Blufi con svincolo di Irosa;
- SP n. 28 tratto Bivio Piano delle Fate – Gratteri;
- Circonvallazione Blufi.
Nel rappresentare l’urgenza, si inviano i nostri più Cordiali Saluti.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 10