PSR Sicilia 2014/200
Mercoledì 17 Maggio 2017 11:59

Sottomisura 6.2 “Aiuti all’avviamento di attività imprenditoriali per le attività extra-agricole nelle zone rurali”

E' stato pubblicato sul sito dell’Assessorato Regionale all’Agricoltura il bando per la partecipazione alla sottomisura di che trattasi che prevede una sovvenzione forfettaria
di € 20.000 a fronte di un investimento minimo di € 15.000.
La sottomisura ha l’obiettivo specifico di favorire la crescita socio-economica delle zone rurali, dove vi è una forte dipendenza dal settore primario, è necessario sostenere la creazione di attività extra-agricole, al fine di contrastare lo spopolamento e creare nuove opportunità di lavoro.
Essa prevede la concessione di un aiuto all’avviamento di nuove imprese di tipo extra agricolo. Per nuova impresa si intende quella costituita nel periodo che intercorre dalla pubblicazione delle Disposizioni attuative alla presentazione della domanda, con l’assunzione per la prima volta, da
parte del proponente, della responsabilità civile e finanziaria nella gestione dell’impresa (apertura partita iva e iscrizione CCIAA).
Beneficiari
In fase di prima applicazione i beneficiari della sottomisura 6.2 sono gli agricoltori o coadiuvanti familiari, che diversificano la loro attività avviando interventi di tipo extra-agricolo, le persone fisiche, le micro imprese di nuova costituzione.
Le attività da avviare ed ammissibili sono:
 produzione di energia da fonti rinnovabili per la vendita;

attività turistico-ricettive in ambito rurale;

attività di valorizzazione di beni culturali ed ambientali;
 attività inerenti le TIC, attività informatiche ed elettroniche, e-commerce;
 servizi per le aziende agricole, per la persona e la popolazione rurale;(ad esempio agriasili, consulenza ad aziende agricole, etc)
 trasformazione e commercializzazione di prodotti artigianali e industriali non compresi
nell’allegato I del Trattato, che abbiano attinenza con le produzioni agricole. (ad esempio
produzione di fertilizzanti, compost, produzione di sapone artigianale, profumi, artigianato
artistico, etc).
L’attività non deve risultare avviata prima della presentazione della domanda di aiuto e la presentazione di un piano aziendale. Non è ammissibile l’acquisizione di attività già esistenti.
L’investimento minimo previsto dal piano deve essere di € 15.000.
Tipologia di interventi ammissibili:
 oneri di costituzione delle micro imprese, incluse le spese notarili;
 spese per la stipula della polizza fidejussoria; software e servizi informatici strettamente
connessi alle esigenze di avvio attività;
 oneri per la fornitura di servizi qualificati, quali ad es. l’iscrizione a portali web e ad altre
organizzazioni che prevedono il supporto commerciale riguardanti l’avvio attività; oneri per
avvio attività quali studi fattibilità e supporto legale;
 promozione e pubblicità della nuova attività;
 analisi di mercato; registrazione di brevetti di marchi nazionali ed internazionali;
 oneri di tipo legale e finanziario strettamente connessi all’avvio delle attività;
 consulenza di tipo organizzativo e tecnico; formazione specifica per l’avvio della attività .


Con riferimento al tipo di sostegno sopra menzionato possono tra gli altri essere previsti, a titolo
esemplificativo e non esaustivo, nell’ambito degli aiuti concedibili per l’avviamento di nuove
imprese di tipo extra agricolo, interventi finalizzati all’ avvio di servizi turistici, ricreativi,
telematici e di digitalizzazione, servizi per le aziende agricole e per la popolazione rurale, di
supporto all’avviamento di nuove attività per la produzione di energia da fonti rinnovabili e
razionalizzazione dell’uso di energia, di supporto all’avviamento di nuove attività per
trasformazione e commercializzazione ai prodotti artigianali e industriali non compresi
nell’Allegato I del Trattato.

 
PO FESR Sicilia 2014/200 – Avviso pubblico Azione 3.5.1-01 e 3.5.1-02 – Comunicazioni differimento termini di presentazione
Lunedì 31 Luglio 2017 10:04

Con DDG 1705 del 25.07.2017 i termini di cui alle procedure riguardanti l’avviso pubblico relativo all’azione 3.5.1_1 approvato con DDG n. 1333 del 13.06.2017 e quelli relativi all’avviso pubblico relativo all’azione 3.5.1_2, approvato con DDG n. 1235 del 31.05.2017 e DDG n. 1443 del 23.03.2017, e modificato con DDG n. 1672 del 30.07.2017, sono differiti di ventidue giorni naturali consecutivi.

 

Pertanto con riguardo all’azione 3.5.1_1 le istanze devono essere inviate a partire dalle ore 9.00 del 25.09.2017 e sino alle ore 12,00 del 05.10.2017.

 

Mentre per l’azione 3.5.1_2 le prenotazioni delle domande devono essere inviate a partire dalle ore 9.00 del 20.09.2017 e fino alle ore 14.00 del 10.10.2017.

 
Fondazione per il Sud
Lunedì 14 Novembre 2016 08:46

Fondazione per il Sud – Bando per la valorizzazione dei beni confiscati alle mafie.

Obiettivo del bando è quello di sostenere iniziative esemplari, in grado di utilizzare i beni immobili e/o mobili registrati, provenienti dalla lotta alla criminalità organizzata, per attività volte a valorizzare le risorse provenienti dal territorio ed a incrementare il capitale sociale.

Le proposte dovranno dimostrarsi capaci a garantire agli interventi continuità operativa (oltre il periodo di finanziamento) e a configurare una gestione autosostenibile nel tempo, in termini di capacità di generare o raccogliere risorse economiche e catalizzare competenze e professionalità adeguate.

Le proposte progettuali dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 13,00 del 15 febbraio 2017.

In allegato versione integrale del bando

 
INPS: Giovani agricoltori, parte l'esonero contributivo
Martedì 30 Maggio 2017 08:25

E' stata pubblicata dall'Inps la circolare con le istruzioni per richiedere di essere esonerati dal pagamento dei contributi previdenziali. Beneficiari i coltivatori diretti e gli Iap iscritti nel 2017 e quelli iscritti nel 2016 in zone montane o svantaggiate. Con la circolare 85 dell'11 maggio 2017 l'Inps fornisce le istruzioni sull'esonero contributivo per i giovani agricoltori, annunciato a febbraio tra i provvedimenti previsti nella Legge di bilancio del 2017.

A beneficiare di questo provvedimento sono i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali, che abbiano iniziato una nuova attività imprenditoriale agricola nel periodo compreso tra il primo gennaio e il 31 dicembre 2017 e che non abbiano compiuto quaranta anni d'età alla data d'inizio della nuova attività imprenditoriale agricola.

Possono però essere ammessi al beneficio anche i giovani coltivatori diretti e gli Iap sotto i quaranta anni che abbiano iniziato una nuova attività agricola nel periodo compreso tra il primo gennaio 2016 e il 31 dicembre 2016 in territori montani o in zone svantaggiate così come definite dal Dpr 601/1973 e dalla Legge 984/1977.

Potranno beneficiare dell'esonero anche i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali con iscrizione provvisoria, fatto salvo il successivo controllo del possesso dei requisiti.

In ogni caso è fondamentale il concetto per “nuova realtà imprenditoriale”. Viene infatti considerata come tale quella ulteriore e diversa rispetto ad altre eventualmente già esistenti, e l'Inps prevede controlli specifici per verificarlo.

L'esonero permette di non versare per intero il contributo relativo all'assicurazione generale obbligatoria, per la vecchiaia e per i superstiti per 36 mesi. L'esonero copre anche i contributi per maternità e i contributi Inali, questi ultimi dovuti solo per i coltivatori diretti.

Passati i 36 mesi, l'esonero è ridotto del 66% del contributo per altri 12 mesi e poi del 50% per un ulteriore periodo di un anno.

La domanda di esonero deve essere inoltrata all'Inps esclusivamente per via telematica tramite i moduli disponibili all'interno della pagina web Cassetto previdenziale per autonomi agricoli.

Qui sarà possibile scaricare la modulistica relativa alla richiesta di esonero per i giovani agricoltori iscritti nel 2017 (CD/IAP2017) e per quelli iscritti nel 2016 in zone montane e svantaggiate (ZM 2016 e CD/IAP ZS).

 
Partenariato della Comunicazione
Giovedì 27 Settembre 2012 20:26

La Regione ha predisposto e sottoscritto il nuovo protocollo d’intesa “Comunichiamo lo Sviluppo”.

Obiettivi del Protocollo sono:

· favorire la cooperazione tra le istituzioni;
· progettare e promuovere reti di alleanze e di complementarità con altre reti iinformative;
· diffondere nuove consapevolezze, aprendo le porte alla cooperazione, alla partecipazione, alla propensione a “fare sistema”, a “fare rete”.

La nostra società il 7 settembre u.s ha sottoscritto il protocollo.

Si comunica per tanto che:

- Il nostro  Referente è : Rosanna Lucia La Placa

-    L'ubicazione del nostro Sportello informativo è presso:

- Viale Risorgimento 13/b -90020 Castellana Sicula –

- I nostri recapiti sono: Tel.0921563005 – fax 0921563006 – e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

- Orari apertura: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 14.00 -

lunedì e giovedì dalle ore 15.30 alle ore 18.30

-         Sito web: www.sosvima.com

Si allega protocollo sottoscritto

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 6